Information

I più venduti

Olio extravergine di oliva

Olio extravergine di oliva

Olio extravergine di oliva, olio di qualità superiore, olio Dop, queste sono le diciture che identificano le Marche come una delle regioni più rinomate in Italia nella produzione di olio. E' iniziata la campagna olearia, la raccolta, ques'anno purtroppo non felicissima per colpa delle gelate invernali e la mosca. Non sarà quindi una annata all'altezza del 2017 però sempre all'insegna di una qualità che da tanti anni possiamo oramai rivendicare. Selezioniamo il meglio e anche sull'olio non vogliamo essere da meno a nessuno.  L' Olio extravergine di oliva è un prodotto che nella regione Marche trova molte sfaccettature e altrettante varietà. All’olio marchigiano in passato per la sua bontà e la sua qualità, si dava un valore superiore a quello di molte altre regioni. Tutto ciò deriva principalmente dalla posizione geografica, il fatto di avere latitudini più dava e da una composizione acidula ottimale. La coltivazione dell'olivo e la molitura delle olive nella regione ha origini antichissime. Troviamo nelle Marche menzione dell'olio extravergine di oliva a partire dal 1228 quando, alle navi marchigiane che dovevano approdare sul Po, era richiesto un pedaggio consistente in venticinque libbre di olio. Ancora oggi nelle Marche, grazie a 7.200 ettari di oliveto specializzato e ad una produzione di 45.000 quintali, viene prodotto un olio extravergine di oliva di grandi qualità organolettiche. Le varietà di oliva che possiamo incontrare sono tantissime, la base dell’olio extravergine di oliva marchigiano è però sempre data da Frantoio, Leccino, per poi incontrare tante altre varietà in base anche alle province. Tra le autoctone, circa venti, vanno ricordate la Coroncina, il Piantone di Falerone, il piantone di Mogliano, la Rosciola, il Sargano di Fermo, l’Orbetana, la Mignola, la Carboncella, la Raggia e la Raggiola ma un ruolo di primo piano va rivolto all’unica DOP regionale dell’Olio, quella di Cartoceto. La macinazione vede coesistere situazioni tradizionali di macinatura a pietra con tecniche più all’avanguardia che utilizzano impianti i quali effettuano la frangitura con molazze ed estrazione a pressione. Sono queste delle tecniche differenti, entrambe di qualità, che accentuano diversi sentori nell’olio extravergine di oliva poi prodotto. L’olio extravergine di oliva tipico marchigiano è caratterizzato da un fruttato medio-leggero, dal gusto tendenzialmente dolce con note di amaro e piccante. Per quello che riguarda l’olio Dop di Cartoceto, va detto che è l’unica Dop olearia della regione Marche. La storia di questo paese è molto antica: deve la sua origine ai Cartaginesi scampati alla battaglia del Metauro (207 a C.) e fin da epoche remote è certa la presenza estesa dell’ulivo. Nel XIV sec. molti dei territori posti sotto la giurisdizione di Fano costituivano un’importante risorsa olearia e tra essi Cartoceto primeggiava. L’ulivo è ancora oggi l'elemento caratterizzante di tutto il paesaggio cartocetano, la sua coltivazione s’integra con i ritmi di vita della piccola comunità e la sua storia si fonde con quella del paese. L’areale di produzione della DOP, oltre a Cartoceto, comprende i territori di Saltara, Serrungarina, Mombaroccio e Fano (solo versante nord delimitato dalle ss. Flaminia, Adriatica e confine. In questa zona si produce quindi la DOP ma anche numerose versioni di olio extravergine di oliva caratterizzato dalle varietà locali in cui la raggiola è sicuramente quella più rinomata. Il Marchigiano tipico ha selezionato almeno 4 produttori di olio extravergine di oliva, Cartoceto in primis e poi altri 3 produttori che gli garantissero varietà nella proposta olearia, per cui oltre all’EVO propone i monocultivar, Raggiola, Leccino, Piantone di Mogliano. Proporre olio extra vergine di oliva non è facile, perché quello autentico costa il doppio ed a volte anche il triplo di quello che troviamo nella grande distribuzione, ma è sicuramente un orgoglio proporlo, raccontare della sua autenticità la sua reale bontà. Questo va sottolineato perché l’olio extravergine di oliva è e sarà sempre uno dei principali prodotti che consumiamo quotidianamente.