Passata di pomodoro

Passata di pomodoro

Passata di pomodoro, un semplice prodotto che ci caratterizza in tutto il mondo. E’ tradizione culinaria italiana quello di utilizzare la passata per condire la pasta principalmente. E’ forse il prodotto agroalimentare che più caratterizza il made in Italy. Oramai se ne trovano di tutti i tipi in commercio, tuttavia volendo fare qualità, noi di marhcefood siamo andati a scovare produttori che fanno la passata di pomodoro ancora come si faceva una volta. Per fare una ottima passata di pomodoro si parte sempre dalla terra, dall’amore per la pianta, ebbene ci sono ancora produttori che coltivano il proprio orto senza utilizzare concimi chimici o altro, raccolgono il pomodoro a mano, e lo trasformano, come si faceva un tempo, come ancora si fa oggi, in molte famiglie. Produrre passata di pomodoro artigianalmente è un mercato di nicchia, un mercato tutto da riscoprire, e da raccontare. Ne parlano anche le grandi associazioni enogastronomiche e questo è la dimostrazione di quanto sia importante oramai oggi, ritrovare la qualità in tutto, la genuinità in quello che si mangia, soprattutto nei prodotti semplici come lo è la passata di pomodoro. Da sempre il pomodoro è definito l’oro rosso, perché sono molti i dipendenti impiegati in questo settore, con fatturati molto interessanti. Questo va detto solo per citare i numeri, quello che è interessante, è che di fianco a grandi aziende produttrici di passata di pomodoro, vi sono i produttori tradizionali, e qui la storia cambia. La differenza tra la passata di pomodoro industriale e quella artigianale, cambia e molto, oltre che nel rispetto della terra e nel non uso di fertilizzanti chimici, nel fatto che molte aziende artigianali sono a gestione familiare, questo permette di controllare tutte le fasi al meglio, selezionare i prodotti, raccogliere trasportare e trattare la materia prima, con grande cura, scartare anche il minimo difetto, e lavorare il pomodoro con occhi oculati nelle fasi di macinatura ed imbottigliamento. Si consiglia sempre di leggere bene le etichette di ciò che si compra, noi lo facciamo quando scegliamo i nostri prodotti, perché anche se su poche righe, si evince la provenienza, la filiera. Nel caso della passata di pomodoro abbiamo preferito scegliere un produttore locale, Marchefood è un progetto rigorosamente regionale, ma a volte ancora di più, sceglie quello che vede e può controllare direttamente, da qui la scoperta di produttori come Nene. La sua passata di pomodoro Nene è ottenuta dalla raccolta di pomodori coltivati sotto casa, la filosofia del titolare è un insieme di passione, di tradizione, di storia. Come dice il buon Stefano, i nostri sono prodotti dell’orto accuratamente coltivati a mano nelle aperte campagne della Valmetauro, sapientemente lavorati da anni di esperienza e passione, per offrire una passata di pomodoro di assoluta qualità e che mantenga tutte le proprietà, la naturalezza, ed il gusto della verdura appena raccolta. Ed è realmente così, noi l’abbiamo provata, è una passata di pomodoro eccezionale, addirittura densa rispetto alle liquidissime industriali, ha il retrogusto dolce e si presta ad essere insaporito a piacimento dello chef. E’ ottenuta da un pomodoro simile alla varietà del romano, quindi rotondeggiante, non molto grande, ricco di polpa. Da un prodotto che ritengo sia unico. Lo proponiamo con grande orgoglio, perché se dobbiamo rappresentare il meglio delle marche, con questi produttori noi possiamo assolutamente farlo