Casciotta di Urbino

Casciotta di Urbino

Nelle Marche quando si parla di formaggi si accede ad un bagaglio storico antichissimo. Si pensa che l’arte del caseario sia iniziata nei tempi dell’antica Roma con momenti storici poi importanti come il sedicesimo secolo in cui si diceva che la casciotta di Urbino era apprezzata anche da Michelangelo. Nelle zone di montagna i pascoli sono ancora moltissimi, per questo si possono trovare molti pecorini di qualità. Le stagionature vanno poi a discrezioni di chi da sempre sperimenta questi fantastici prodotti. Tuttavia oggi ci va di parlare in particolare della casiotta di Urbino che è un formaggio pressoché fresco, perché si commercializza ad appena 15 giorni di stagionatura, ed è confezionato misto ossia con l’impiego di latte vaccino ed ovino. L’ambiente pedoclimatico in cui viene prodotta è un ambiente tranquillo che garantisce un prodotto eccellente soprattutto nel periodo primaverile. Oggi la casciotta di Ubino è un prodotto rappresentativo del territorio marchigiano perché oramai da 30 anni questo prodotto ha in calce la denominazione di origine protetta. In quegli anni, gli allevatori progettarono di riprendere in mano questo antico prodotto, la casciotta di urbino si dice sia un formaggio infatti centenario. Questa tradizione casearia non si era persa con il tempo, da sempre i pastori del territorio marchigiano allevavano mucche e pecore e con l’avanzo di latte facevano questo innesto. Per cui il fatto di decidere di puntare sulla riscoperta di questo speciale prodotto fu solo un bene per il territorio visti oggi i riconoscimenti che ha e vista la sua popolarità. Grazie anche alla costituzione del consorzio casciotta di Urbino negli anni 90 con i suoi 12 soci da continua crescita come visibilità al prodotto grazie alle iniziative messe in atto. Oggi I turisti che si recano nel capoluogo sito nel cuore del Montefeltro quasi sempre se ne tornano a casa portandosi dietro almeno una casciotta di Urbino. Chiaro che non solo nelle Marche si producono le casciotte, definizione che si da ai formaggi rotondi con angoli arrotondati e di peso più a meno intorno al kg con il gusto delicato. Anche in Toscana, Lazio, Abruzzo e così via ne troviamo di svariati tipi. Svariati sono i mix dei latti impiegati. Tuttavia, e come marchigiani ci teniamo molto dirlo, di casciotta di Urbino ce ne è una sola e non è perché ha ottenuto la denominazione di origine grazie al lavoro di esperti appassionati del settore, ma soprattutto perché ha un gusto tutto suo, inconfondibile, inimitabile ed inscindibile. Il Marchigiano tipico, non poteva non proporre tra i suoi speciali prodotti anche questo, ed è felice perché intorno a questo formaggio c’è un grande interesse consolidato negli anni, ed è bello poter portare casciotta di Urbino dentro le case degli italiani ma soprattutto degli stranieri, in poche ore anche stando direttamente da casa magari guardando un servizio sulla casciotta. Oggi l’e-commerce è un grande strumento, il Marchigiano tipico lo vuole sfruttare al massimo per divulgare le storie di un territorio ricco di eccellenze come quella della casciotta di Urbino, per cui basta cliccare, leggere, riscoprire, ordinare e degustare emozionandosi.